Acqua, sabbia e neve: quando madre natura si ribella alla Formula 1

lunedì 19 dicembre 2011 · Amarcord

A giugno la Formula 1 si è fermata per due ore in attesa di correre il Gran Premio del Canada dopo il nubifragio che ha allagato Montréal. È la natura che si ribella ai Gran Premi. Altre volte ci hanno pensato pure sabbia e neve. I casi eclatanti.

Acqua. Il Gran Premio d’Australia del 1991 ad Adelaide è la gara più corta della storia: 24 minuti e mezzo sotto la pioggia battente prima di dare bandiera rossa e assegnare la vittoria ad Ayrton Senna. Che commenta: “Questa non è stata una corsa. Bisognava solo pensare a stare in pista e non era proprio il caso di spingere”. Nel 2004 e nel 2010 le qualifiche in Giappone a Suzuka vengono posticipate alla domenica mattina a causa dei tifoni.

Sabbia. A febbraio 2009 mentre la maggior parte delle squadre prova a Jerez de la Frontera, Ferrari, BMW e Toyota si spostano in Bahrain alla ricerca del sole e delle condizioni climatiche più vicine a quelle dei primi Gran Premi dell’anno. Trovano invece le tempeste di vento e sabbia che fanno procedere i test a singhiozzo.

Neve. La Renault viene accolta da gelo e fiocchi di neve a Silverstone a febbraio del 2005 in occasione di una sessione di test a porte chiuse con Fernando Alonso e Giancarlo Fisichella. Christian Silk, Chief Testing Engineer per la squadra francese, dice: “Ci stiamo preparando per le Olimpiadi invernali”.

A. Senna · Adelaide · Montreal · Renault · Sakhir · Silverstone · Suzuka ·