Interlagos, Trulli multato e Kovalainen retrocesso. Assolti tutti gli altri

lunedì 19 ottobre 2009 · Gran Premi

Tutti assolti, o quasi. Vanno in archivio come “incidenti di gara” – quindi senza provvedimenti disciplinari – la collisione fra Fisichella e Kovalainen alla partenza, quella fra Raikkonen e Webber e quella fra Kobayashi e Nakajima. Formalmente viene classificato come incidente di gara anche il caso di Sutil e Trulli, ma Jarno si becca 10000 dollari di multa per essersi trattenuto a discutere sulla pista, senza passare dietro le barriere.

Trulli si era già preso un’ammonizione sabato pomeriggio per aver ostacolato Buemi in qualifica. Sull’incidente la vede così: “Ero all’esterno, ero molto più veloce, l’avrei sorpassato. Invece lui mi ha spinto e mi ha portato sull’erba”.

La Toyota perde aderenza, si gira, centra la Force India e poi va a muro. Nella carambola esce anche Alonso. Ufficialmente Fernando non fa polemiche, ma Jarno dice di avergli parlato: “La pensa come me, Sutil è completamente pazzo”.

Mentre loro sfasciano le macchine, Raikkonen rompe la bandella destra dell’alettone anteriore contro le ruote della Red Bull di Webber. E quando torna ai box per cambiare il musetto si trova sulla traiettoria di Kovalainen che ha strappato il tubo del rifornimento. La Ferrari per un attimo diventa una torcia.

Racconta Kimi: “Avevo la benzina anche negli occhi, sono rimasto accecato e volevo fermarmi. Poi le fiamme si sono spente e sono ripartito, ma gli occhi mi bruciano ancora”. Kovalainen intanto si ferma all’uscita dei box, in prossimità del garage della Brawn. E sono i meccanici di Button a staccargli il bocchettone.

Luca Colajanni, da portavoce della Ferrari, chiedeva sanzioni: “Ci hanno punti l’anno scorso a Singapore quando questa cosa è successa a Massa, mi aspetto una decisione anche adesso”.

A fine corsa la McLaren si è vista recapitare una multa di 50000 dollari (quanti ne ha pagati la Renault per la ruota di Budapest). Kovalainen invece è stato retrocesso di 25 secondi. Per la classifica iridata non cambia nulla, perché Heikki da nono finisce dodicesimo e comunque non avrebbe preso punti.

Interlagos, Kovalainen, Raikkonen, Sutil, Trulli,