Montecarlo fino al 2020, ma a tasso più alto. Hockenheim fino al 2018

martedì 10 agosto 2010 · Politics

Alla fine, il contratto l’hanno rinnovato: Montecarlo farà parte del circuito iridato dei Gran Premi almeno fino al 2020. La notizia è arrivata nel paddock a Budapest direttamente da Londra, dove s’erano incontrati Bernie Ecclestone e Michel Boeri dell’Automobile Club del Principato.

Non è un segreto che Ecclestone abbia imposto la maggiorazione della tassa d’iscrizione, che costituisce l’introito principale per la FOM e che però, nel caso di Monaco, è sempre stata inferiore a quella delle altre tappe europee.

I dati non sono ufficiali, ma da un conto a spanne viene fuori che ci sono corse che per stare in calendario nel 2010 hanno speso anche 12 milioni di euro in più rispetto a Montecarlo.

Per spillare altri soldi alle casse del Principato, Bernie era arrivato a minacciare la soppressione: “Possiamo farne a meno, non è indispensabile alla Formula 1”.

Una riduzione, invece, l’ha concessa agli organizzatori di Hockenheim, con un rinnovo che si estende al 2018, sempre ad anni alterni col Nürburgring: “Col vecchio contratto – spiegano i tedeschi – avremmo avuto già quest’anno una perdita di 7 milioni di euro che ci avrebbe ammazzato”.

Così Ecclestone blocca altre due piste storiche e le sottrae alla FOTA, nell’eventualità in cui nel 2013, alla scadenza del Patto della Concordia, le squadre scelgano un’altra volta di andare verso il campionato alternativo.

Ecclestone, Fota, Hockenheim, Monte Carlo, Nurburgring,