Senna, Hitler, le donne e le scorciatoie: le frasi pazze di Bernie Ecclestone

giovedì 3 marzo 2011 · Amarcord

L’ultima è quella sulla pioggia artificiale: innaffiare qua e là le corse, “magari per 20 minuti o per gli ultimi 10 giri”. L’ha detto Bernie Ecclestone che normalmente le spara anche più grosse. Irriverente, sessista, politicamente scorretto, con un repertorio vastissimo di frasi che hanno fatto storia.

A proposito di… dittature (intervista al Times, 4 luglio 2009).

In molti modi, suppongo sia terribile da dire, al di là di ciò che ha fatto, Hitler era in grado di comandare molta gente e di fare le cose. Le democrazie non hanno fatto poi così bene a molti paesi, compresa la Gran Bretagna. Abbiamo fatto una cosa terribile nel sostenere l’idea di liberarsi di Saddam Hussein. Era l’unico che poteva controllare il paese. Siamo andati in quel paese senza avere idea della cultura. Gli americani probabilmente pensano che la Bosnia sia un quartiere di Miami. Ci sono persone che muoiono di fame in Africa e noi rimaniamo seduti senza fare nulla, ma siamo coinvolti in cose che dovremmo lasciar stare.

La reazione della comunità ebraica inglese: Ecclestone è “tanto idiota quanto moralmente disgustoso”. Denis MacShane del partito laburista inglese aggiunge che Bernie mischia “ignoranza in storia e completa mancanza di giudizio”. Lui risponde: “Mi hanno frainteso”. Poi riconosce: “Ho detto ideozie”.

A proposito di… donne (interviste varie, 2001).

Devono vestire in bianco come gli altri addetti domestici.

Voglio una donna in Formula 1, una che faccia piazza pulita degli uomini, che sia magari di colore e di bell’aspetto, preferibilmente ebrea o musulmana, e di lingua spagnola.

A proposito di… Ayrton Senna (intervista alla Folha de S. Paulo, 18 ottobre 2009).

La morte di Ayrton Senna è stata una gran tristezza, ma è stata poi un bene per la Formula 1. Molta gente che non aveva mai sentito parlarne ha cominciato ad interessarsi al nostro sport grazie all’immensa ripercussione dell’incidente del brasiliano.

Quando la nazione insorge, Bernie rinnega. Poi il cronista fa spuntare la registrazione dell’intervista e dimostra che non s’è inventato niente.

A proposito di… spettacolo (conferenza stampa del 14 gennaio 2010 a Campiglio).

Penso che sarebbe molto facile mettere in ogni circuito uno spazio dove si può guadagnare un po’ di tempo in modo che si possa sorpassare, una scorciatoia, che il pilota può utilizzare cinque volte durante la gara, evitando di rimanere bloccato dietro a un altro pilota. Sarebbe un bene per la televisione,  per i commentatori che  potrebbero parlare di qualcuno che ha tagliato tre volte, qualcun altro che l’ha fatto due volte  e prevedere cosa sta per accadere. Ho cercato di spingere le squadre con una serie di proposte.

Jarno Trulli commenta: “Non è un’idea fattibile”. E uno si domanda se è più suonato Bernie che propone certi temi o Jarno che lo prende sul serio.

A. Senna, Ecclestone, Trulli,