Gran Premio del Canada 2011, prove libere

sabato 11 giugno 2011 · Race round-up

È toccato a Sebastian Vettel inaugurare per il 2011 il muretto dei campioni, quello dopo la chicane che immette sul rettilineo dei box, dove nella storia si sono schiantati Schumacher, Hill, Villeneuve e Button. Seb è andato a sbattere nella prima sessione di prove libere. Nel pomeriggio i meccanici avevano già rimesso a posto la scocca.

Ferrari. “I tempi non contano”, ma Alonso intanto è in cima alla classifica perché quando Pirelli porta le gomme più morbide la rossa prende un’altra consistenza. Dice Massa: “Una buona giornata, forse il miglior venerdì dall’inizio della stagione”.

Incidenti. Nella sessione del pomeriggio Kobayashi e D’Ambrosio distruggono le macchine alla curva 4 e determinano due interruzioni con bandiera rossa. A muro anche Sutil che finisce largo in uscita dalla curva 7.

Check-up. Quando mancavano meno di dieci minuti all’inizio della seconda sessione, la Sauber ha mandato a chiamare de la Rosa nel box della McLaren e l’ha messo in macchina al posto di Perez che dopo le prove del mattino ha cominciato ad accusare i postumi dell’incidente di Monaco. Giovedì si era sottoposto ai controlli medici della FIA e li aveva superati a pieni voti. De la Rosa nel 2010 si era separato dalla Sauber a stagione in corso.

No smoking. In Canada la legislazione contro il tabacco è rigidissima. C’è voluta un’autorizzazione speciale dell’amministrazione del Quebec per consentire alla Renault di impiegare anche a Montréal la livrea nera e dorata che si ispira allo schema della vecchia Lotus, quando lo sponsor principale erano le sigarette JPS.

A senso unico. Secondo Ecclestone, questo Mondiale è già scritto. E lo vincerà Vettel: “Gli altri dovrebbero avere molta fortuna. Quando vedo la velocità della macchina di Sebastian penso che solo il suo compagno di squadra ha qualche possibilità”.

Alonso, de la Rosa, Montreal, Perez, Renault, Sauber, Vettel,