Montréal 2011, giro per giro: da ultimo a primo, la rimonta di Jenson Button

mercoledì 15 giugno 2011 · Gran Premi

In attesa di capire se è lui la risposta a Vettel, si gode “la vittoria più bella della carriera”: scatta settimo, finisce in fondo al gruppo, si scontra con Hamilton e Alonso, si becca un drive-through, tra pit-stop e sanzioni totalizza 6 passaggi in corsia box, e alla fine va a soffiare il successo alla Red Bull all’ultimo giro. Jenson Button il Gran Premio del Canada 2011 l’ha vinto così.

Partenza. Prende il via in P7. Davanti a lui ci sono Vettel, Alonso, Massa, Webber, Hamilton e Rosberg. Si comincia con le extreme-wet, tutti dietro la safety car.

Giro 5/70. All’uscita della safety car si fa passare da Schumacher. Resta settimo perché Webber va in testacoda alla prima curva nel duello con Hamilton che poi scivola indietro in un testa a testa con Schumi.

Giro 8/70. Subisce l’attacco di Hamilton sul rettilineo principale, ma tiene la traiettoria abituale e c’è lo scontro. Dirà: “Non l’avevo visto”. La gara di Lewis finisce. Jenson prosegue ma viene messo sotto inchiesta.

Giro 9/70. Entra ai box per mettere le intermedie, mentre i commissari mandano in pista la safety car per sgombrare il rettilineo dai detriti.

Giro 14/70. Sconta il drive-through per eccesso di velocità sotto safety car. Quando torna in pista è quindicesimo, ma si libera subito di Buemi.

Giro 20/70. Dopo una lunga sequenza di giri record, torna a montare le extreme-wet quando la pioggia cresce d’intensità: è undicesimo.

Giro 25/70. Bandiera rossa e gara sospesa. Si riparte dopo quasi due ore. E davanti c’è sempre la safety car.

Giro 33/70. Parla via radio con il suo ingegnere: secondo lui si può correre regolarmente. Due giri dopo, la safety car esce di scena. È già tempo di rimettere le intermedie.

Giro 37/70. Entra in collisione con Alonso alla prima chicane. Fernando si ritira, Jenson va ai box per controllare le sospensioni. Quando esce è ventunesimo. La rimonta comincia da qui.

Giro 49/70. Risale metà gruppo ed entra in zona punti col sorpasso ai danni di Alguersuari. Poi si sbarazza anche delle Williams.

Giro 52/70. Passa alle gomme da asciutto a mescola morbida, torna in decima posizione. Fissa subito il giro record.

Giro 57/70. Si porta a ridosso del trio di testa che è composto da Vettel, Schumacher e Webber. L’ennesima safety car azzera i distacchi.

Giro 64/70. Sorpassa Webber, sale sul podio virtuale.

Giro 65/70. Sorpassa anche Schumacher. Gli resta solo Vettel che ha 4 secondi di margine e comincia a spingere per rispondere ai passaggi record di Jenson.

Giro 70/70. Si porta a ridosso di Vettel che sbaglia a impostare la prima chicane e perde la leadership. Button taglia per primo il traguardo, con 2.7 secondi di margine. In serata i commissari archiviano le inchieste e lo assolvono per gli incidenti con Hamilton e Alonso. La vittoria è in cassaforte. Gli mancava il gradino più alto del podio dal Gran Premio di Cina del 2010.

Alonso, Button, Hamilton, McLaren, Montreal,