Gran Premio di Germania 2011, prove libere

venerdì 22 luglio 2011 · Race round-up

Si torna al passato su centraline e scarichi soffianti ma il ‘Ring dopo le libere conferma il progresso della Ferrari a danno della McLaren. Stabile la Red Bull che si piazza in cima alla classifica con Webber, 1 decimo davanti ad Alonso.

Turnover. C’è Karun Chandhok sulla Lotus di Jarno Trulli. L’indiano per contratto ha diritto a disputare due corse oltre che le sessioni di prove libere. Trulli intanto sta già negoziando l’accordo per il 2012. Tornerà in macchina a Budapest.

Passato remoto. Tradizionali esibizioni al Nordschleife alla vigilia del week-end di gara: a Rosberg è toccata la Mercedes di Fangio del 1954; a Schumacher la W196 Stromlinie a ruote coperte. Sutil invece si è schiantato con una Gumpert Apollo. E secondo indiscrezioni ci ha rimesso due denti.

Il fascino della divisa. La FIA ha imposto a Ferrari, Mercedes e Force India la modifica delle tute dei piloti. Secondo il regolamento, la targhetta di omologazione sul colletto deve essere ricamata anziché stampata.

Aldo Costa. Non fa più parte della Ferrari, né della squadra corsa e nemmeno dell’azienda. A maggio la Scuderia l’aveva rimosso dalla direzione tecnica, adesso l’ha allontanato definitivamente. Una risoluzione del contratto “decisa di comune accordo”. Costa era anche a capo del gruppo tecnico di lavoro della FOTA: ora c’è James Allison della Renault.

2011 e poi? Il futuro del Nürburgring è nelle mani di Ecclestone: “Sarà lui – dice il ministro della pianificazione economica – a decidere se questo è l’ultimo Gran Premio”. Se Bernie non concede sconti, il governo taglierà tutti i finanziamenti: “Continuiamo a subire perdite elevate, che non sono più sostenibili”.

Allison, Chandhok, Costa, Ferrari, Mercedes, Nurburgring, Red Bull, Rosberg, Schumacher, Trulli,