2012, la Federazione aggiusta le regole del gioco. Le modifiche in sintesi

giovedì 8 dicembre 2011 · Regolamenti

Alla fine è arrivata. La regolamentazione sul posizionamento e sulla forma degli scarichi – per vietare il soffiaggio basso che a Yas Island pare abbia bruciato letteralmente la carcassa della gomma di Vettel – adesso è realtà.

È comunque una modifica ampiamente anticipata dai casini sulle norme a Silverstone e dalla restrizione delle mappature di novembre. Per cui le novità più interessanti diramate per il 2012 dal Consiglio Mondiale sono quelle in ambito sportivo. Queste, in sintesi estrema.

Crash test: bisogna superarli entro le prove invernali; prima invece le squadre potevano posticipare l’omologazione fino all’esordio in campionato.

Tempo massimo: le gare devono chiudersi entro 4 ore dall’orario di partenza; vengono conteggiate anche le interruzioni.

Safety car: i doppiati sono autorizzati a recuperare i giri che hanno perso, in modo da evitare che alle ripartenza le macchine più lente si ritrovino in mezzo a quelle più competitive.

Bandiera rossa: in caso di sospensione della gara, le macchine che si trovano in corsia box possono schierarsi in griglia nella posizione che occupavano al momento dell’interruzione.

Tagli di chicane: non sono autorizzate scorciatoie in qualifica nei giri di lancio e in quelli di rientro; Vettel per esempio ne aveva approfittato in Corea per recuperare tempo e ripetere un attacco alla pole.

Cambi di direzione: è vietato tornare in traiettoria dopo averla abbandonata per difendere la posizione. In pratica diventa ufficiale il rigore di giudizio adottato in Malesia per sanzionare Hamilton.

Test: concessi tre giorni di prove collettive a campionato in corso; è dal 2009 che i collaudi nell’arco della stagione sono assolutamente proibiti, con l’unica eccezione dei chilometri di apprendistato destinati alle new-entry.

Gomme: tutti i treni di pneumatici assegnati per il week-end si possono impiegare fin dall’inizio delle prove; in precedenza invece l’uso era vincolato a tre set per il primo giorno di libere.

Fia, Hamilton, Vettel,