Jarno Trulli, il ricordo più bello: pole e trionfo a Montecarlo nel 2004

giovedì 23 febbraio 2012 · Amarcord

La gallina vecchia non fa più brodo se nel giro ce n’è una che porta soldi. Trulli chiude l’avventura in Formula 1 dopo 16 anni, scalzato da Caterham che fa spazio a Petrov. Il ricordo più bello resta quello del primo e unico successo, nel posto più speciale, più spettacolare e più affascinante di tutta la Formula 1.

Jarno nel 2004 parte dalla pole e stravince a Montecarlo: “Ne avevo bisogno, sia della prima pole che della prima vittoria. Ma non mi aspettavo che entrambe arrivassero insieme così presto”. Proprio tanto presto no, perché Trulli vince dopo 117 corse e sette anni di carriera.

Lui pensa a spingere, gli altri pensano a uscire. Al via la visibilità alla chicane delle Piscine è limitata dall’esplosione del motore di Sato: succede che Fisichella non si accorge di Coulthard e si ribalta sul guard-rail.

Non è l’unico incidente della giornata: Alonso finisce a muro nel tunnel mentre doppia Ralf Schumacher. L’altro Schumi, quello grande, scalda i freni alle spalle della safety car e viene tamponato malamente da Montoya, urta le barriere e torna ai box su tre ruote.

Nel finale la minaccia diventa Button. Trulli stringe i denti, porta a casa la coppa con mezzo secondo di margine. E coi complimenti di Briatore: “Era una gara per noi, è un successo pienamente meritato, perché Schumacher anche se non avesse avuto quell’incidente, non avrebbe vinto”. Forse no. Perché forse veramente quello era il giorno da leone di Jarno. L’unico.

Briatore, Button, Monte Carlo, Montoya, Renault, Schumacher, Trulli,