Interlagos, quel sorpasso di Vettel con bandiere gialle: cosa dicono le regole

venerdì 30 novembre 2012 · Regolamenti

“Una barzelletta”. L’ha liquidata così Bernie Ecclestone: “Il campionato è stato entusiasmante, invece parlano tutti di questo video“. Che è venuto fuori martedì e si riferisce al terzo giro del Gran Premio del Brasile, quando all’uscita della esse di Senna c’è la Williams di Maldonado spiaccicata nelle barriere.

Il camera-car di Vettel mostra che sul cruscotto della Red Bull si accendono le spie gialle per indicare il divieto di sorpasso. Seb invece è in rimonta dopo l’incidente del via, affianca e infila la Toro Rosso di Vergne.

Il sistema di luci che avvisa i piloti direttamente nel cockpit è sincronizzato con l’impianto di pannelli luminosi a bordo pista. Per cui quando Vettel esce dalla curva 3, le luci gialle effettivamente lampeggiano anche dietro i guard-rail.

Cento metri più indietro però c’è una postazione dei commissari. E lì viene sventolata una bandiera verde. In base alla pianta del tracciato sul sito della FIA, a Interlagos ci sono 22 postazioni di commissari servite da 16 pannelli luminosi. Ovvero: più postazioni che pannelli. Perciò può succedere che le segnalazioni non corrispondano.

Il regolamento a questo proposito infatti precisa che le bandiere prevalgono comunque sulle segnalazioni luminose. Lo conferma anche Charlie Whiting ad Autosprint. E la FIA sotto la pressione dei media aggiunge: “Non c’è nessun caso”.

La Ferrari però si è guardata le immagini con attenzione, perché se Vettel venisse giudicato colpevole si prenderebbe un drive-through post gara di 20 secondi. Quanto basta cioè per farlo scendere dal sesto all’ottavo posto e regalare di fatto il campionato ad Alonso.

Alla fine Maranello non ha presentato un reclamo ufficiale. Solo una “richiesta di chiarimenti”, secondo quanto ha comunicato via Twitter alle 11:54 di giovedì. Un atto dovuto, più che un tentativo di rovesciare l’esito della pista.

Nel 2007 la faccenda delle benzine non conformi rischiava di togliere il Titolo a Raikkonen a campionato già chiuso. In merito alla prospettiva che il Titolo venisse assegnato dalla giustizia, gli avvocati della Scuderia dissero: “Sarebbe un danno enorme per lo sport decidere la vittoria del Mondiale in questo modo. La gente penserà che sono in atto delle losche manovre”. Appunto.

Alonso, Ecclestone, Ferrari, Fia, Interlagos, Red Bull, Vergne, Vettel, Whiting,