Melbourne, è di Hamilton la prima pole. Ma la formula extra-large (ancora) non vola come nei test

sabato 25 marzo 2017 · Gran Premi

Una superpole di Raikkonen ai test di Barcellona, 1:18.634 contro il record di Hamilton in qualifica l’anno scorso, 1:22 secco. Con questo presupposto – e con l’aspettativa romantica che ne scaturiva – la Formula 1 sbarcava in Australia per il debutto delle macchine extra-large, le bestie indomabili del 2017.

Invece dalla prima qualifica emerge che a Melbourne il progresso rispetto al 2016 vale solo 1.7 secondi. È di Hamilton su Mercedes la pole come un anno fa, 1:22.188 su ultrasoft, era stata 1:23.837 allora, su supersoft peraltro. Per cui teoricamente anche grazie al contributo delle mescole un’evoluzione più marcata era lecito aspettarsela.

Non solo: i numeri dicono pure che la pole dell’anno scorso la battono solo i primi cinque della griglia. Tant’è che pure Massa coi giornalisti confessa che a giudicare dal crollo dei tempi dei test, lui – come gli ingegneri del resto – si aspettava un guadagno di almeno di tre secondi.

C’entra probabilmente la temperatura che s’è abbassata, c’entra magari anche il layout dell’Albert Park, dove le curve veramente veloci – quelle in cui la differenza si potrebbe sentire di più – alla fine sono solamente la Fittipaldi e la Waite. Tutto il resto è stop and go. Hamilton comunque avverte: “Quest’anno il ritmo di sviluppo sarà molto più alto”.

Resta il fatto che le nuove macchine in determinate circostanze sono ingovernabili. Anche da gente piuttosto esperta. Era successo a Raikkonen alle prove di Barcellona, s’è ripetuto con Ricciardo nell’ultimo segmento di qualifica. Presi alla sprovvista entrambi, da una reazione del retrotreno che ancora bisogna capire come gestire.

Ferrari, Hamilton, Massa, Melbourne, Mercedes, Raikkonen, Ricciardo,