Olio nella benzina: la Ferrari ha osato troppo?

venerdì 7 luglio 2017 · Regolamenti

È una questione tecnica che si trascina dai test invernali, l’ipotesi che qualcuno bruci insieme con la benzina una percentuale di olio per la lubrificazione in modo da aumentare la potenza, magari in qualifica.

A Melbourne la Federazione fa una prima serie di controlli e trova tutto a norma. Alla vigilia della gara in Azerbaigian invece arriva una seconda stretta, stavolta più chiara, una direttiva di Marcin Budkowski, il capo del dipartimento della Fia per la Formula 1:

Even though the Technical Regulations do not directly specify the permitted characteristics of engine oil used in F1, we would consider any attempt to use additional components or substances in oil for the purpose of enhancing combustion as a breach of the Technical Regulations.

Anche a Baku, nessuna sanzione per nessuno. Ma Raikkonen e Vettel in qualifica prendono un secondo dalla Mercedes. Il che alimenta l’ipotesi che proprio la Ferrari sia stata costretta a un passo indietro a seguito dell’intervento della Fia.

Trascorrono i giorni, il mondo si concentra giustamente sull’appuntamento di Vettel con Todt a Parigi, l’aspetto tecnico passa in secondo piano. Nel frattempo in Italia viene fuori l’indiscrezione del Giornale secondo cui la Ferrari ha fatto cadere la testa di Lorenzo Sassi, il capo progettista dei motori dal 2014.

Come rimozione è anomala, a stagione in corso peraltro come quella di Allison l’anno scorso. Tra l’altro arriva mentre il cavallino si appresta a portare in pista la prima evoluzione corposa del motore, a Silverstone il 16 luglio.

Il nesso con la questione dell’olio non è nemmeno tanto sottinteso. I pezzi del puzzle li mette in fila Mark Gallagher, ex di Cosworth, Jordan e Red Bull, su Twitter:

A PU (power unit) manufacturer allegedly no longer able to burn oil during combustion. Less competitive. Ferrari engine designer leaves.

Vettel da Spielberg non commenta: “Chiedete a qualcuno più in alto”. Marchionne, evidentemente. Lui di epurazioni ne ha già messe a segno parecchie.

Baku, Ferrari, Fia, Marchionne, Spielberg, Vettel,