In Formula 1 a 28 anni, la storia di Brendon Hartley: quando la vita ti dà una seconda possibilità

venerdì 20 ottobre 2017 · Paddock

È una storia che merita di essere raccontata, è anomalo e raro il percorso che lo porta a timbrare il cartellino sul palcoscenico della serie regina: neozelandese, 28 anni il 10 novembre, Brendon Hartley esordisce relativamente tardi, all’età in cui sono già in pensione – o spediti altrove – molti di quelli che come lui hanno guidato la Toro Rosso.

La chiamata alle armi in effetti ricuce un rapporto che s’era interrotto nel 2010: all’epoca lui, Sainz, Vergne, Kvyat e Ricciardo sono nel programma giovani della Red Bull, tutta gente di cui si parla un gran bene. Invece Hartley fa una scelta di vita, il ritmo e la psicologia della caserma di Helmut Marko lo stanno logorando. Oggi spiega:

I had some success in the early days, I won the Formula Renault championship, I became the reserve driver, had my first Formula 1 test at 18 years old and I guess I just didn’t deal with the pressure. I stopped enjoying it, I wasn’t happy. I was pretty young and away from home.

Non taglia del tutto i ponti, resta legato al marchio, continua a sentirsi con Marko, ma dal programma per la Formula 1 ovviamente è tagliato fuori, la precedenza ce l’hanno gli altri. Lui comunque per tenersi in allenamento lega con Mercedes, si occupa del simulatore, ottiene un test coi giovani a Magny Cours nel 2012.

Nel frattempo si fa un nome nelle sport, dal 2014 è alla Porsche, conquista il mondiale Endurance e una vittoria alla 24 Ore di Le Mans:

Being in the LMP1 programme, a high-profile category, where there is a lot of pressure, probably not that dissimilar to Formula 1 in some ways, in that respect, in development of the race car, and working with team-mates, has been great. I’m a lot stronger than I was back then.

La svolta arriva a luglio, Porsche esce dai prototipi per andare in Formula E. La prima telefonata che fa Hartley è per Marko, gli dice:

Look, I’m a different driver than I was 10 years ago, I’ve learned a lot, and if there is ever and opportunity I am ready.

Passano tre mesi, Renault anticipa i tempi del trasferimento di Sainz, allora Toro Rosso che non può impiegare Gasly per la concomitanza con la Super Formula 1 richiama Kvyat, il talento tritato, e deve trovare una seconda guida. Di gente con la superlicenza che può liberarsi per un cameo sul mercato non c’è granché.

Insomma il 22 ottobre, a cinquant’anni esatti dal giorno in cui il suo Paese con Denny Hulme conquistava l’unico mondiale in Formula 1, Hartley è ufficialmente al via del suo primo Gran Premio. Austin, Texas. Forse pure l’ultimo:

Nothing’s been confirmed for me for next year. I’m trying not to think further forward than this weekend because I’ve got a fair amount on my plate. But yeah, I was looking at Indycar and I still am.

Toro Rosso per il 2018 non ha deciso. Teoricamente può tenerlo in sella. Ma dipende anche dalle intenzioni dell’Honda che preme per Matsushita.

Austin, Gasly, Hartley, Honda, Marko, Mercedes, Porsche, Red Bull, Toro Rosso,