Poche new-entry e tanti esclusi nel 2018: ecco chi è rimasto fuori dalle nuove formazioni

lunedì 12 marzo 2018 · Mercato

Sirotkin e Leclerc le uniche new entry del 2018, in compenso tanti esclusi, anche illustri. Da Massa che fino all’ultimo ha inseguito un anno di estensione, a Giovinazzi che Maranello non ha saputo – o non ha voluto – mettere sull’Alfa Sauber.

Paul Di Resta. Williams lo fionda in pista a Budapest al posto di Massa che ha la febbre, lui non fa danni, gira su tempi discreti, tant’è che la squadra lo iscrive nella lista dei candidati a un posto da titolare insieme con Kubica e Sirotkin. Poi il cerchio si stringe e lui resta fuori.

Felipe Massa. Il ritiro l’aveva pianificato, le dinamiche del mercato l’hanno costretto a restare. Ma nella Formula 1 moderna – dove mediamente si debutta sotto i 20, vedi Verstappen, Stroll, Gasly e presto Leclerc – dopo i 35 sei già vecchio. E per la prima volta dal 1970 manca un alfiere carioca al via del campionato.

Daniil Kvyat. Stritolato nello shaker dell’energy drink, prende due volte il benservito in 16 mesi: nel 2016 la retrocessione da Red Bull a Toro Rosso per fare spazio a Verstappen, nel 2017 l’estromissione definitiva a favore di Gasly e Hartley. Lo raccoglie la Ferrari come pilota di sviluppo. La vita perdona tutto, Sochi 2016 chi se lo ricorda più.

Jolyon Palmer. L’ombra del bravo pilota che nel 2014 vince il campionato di GP2. Il confronto con Hulkenberg in qualifica è impietoso: nel 2017 al netto di retrocessioni per sostituzioni tecniche o penalità perde 16 a 0. Renault per esasperazione anticipa il divorzio, lui non trova altra collocazione che BBC Radio.

Pascal Wehrlein. Mercedes voleva infilarlo in un semi-top team per toglierlo dal limbo della Sauber. Invece nemmeno la Sauber l’ha voluto tenere. Wehrlein torna al passato, si rifugia nel DTM dov’è stato un protagonista per tre stagioni prima della Formula 1.

Antonio Giovinazzi. La Ferrari resta irraggiungibile. Ma l’Alfa Sauber un salvagente poteva tirarglielo. Gli sponsor di Ericsson e il curriculum di Leclerc invece sono inarrivabili, Bon Giovi resta in uniforme rossa, ma la veste nel box.

Di Resta, Giovinazzi, Kvyat, Massa, Palmer, Wehrlein,