Quelli che hanno vinto un Gran Premio di Formula 1… senza mai andare al comando

sabato 5 maggio 2018 · Amarcord

C’è chi sale al comando un attimo prima della bandiera a scacchi, c’è chi al comando non ci va mai… e vince lo stesso. Imola, 5 maggio 1985, la gara succhia tutta la benzina di Senna che incappa nel ritiro a quattro giri dalla fine. Passa in testa Johansson che è partito quindicesimo, fa qualche manciata di chilometri e rimane a secco pure lui. Ne beneficia Prost, che però viene trovato sottopeso di due chili e squalificato. Insomma alla fine vince Elio de Angelis senza che sia mai stato materialmente davanti.

Curioso come epilogo. E negli annali non è neanche l’unico caso di un vincitore senza giri in testa.

Vince Andretti davanti a Villeneuve a Monza nel 1978, a motori spenti scalano entrambi di un minuto per retrocessione per partenza anticipata, per cui matura la doppietta della Brabham con Lauda su Watson.

Ancora, a Jacarepagua nel 1982 sono esclusi dall’ordine d’arrivo Piquet e Rosberg per macchina sottopeso. I meccanici chiedono il rabbocco dell’acqua per il raffreddamento dei freni, i commissari s’oppongono su indicazione della Renault. Che vince con Prost.

L’altro caso è del 1994, a Spa i delegati della Fia dopo cinque ore di consultazioni cancellano la vittoria di Schumacher che usura lo scalino del fondo piatto oltre il limite di un millimetro. L’esclusione promuove Hill, volano via 10 punti dal carniere di Schumi che due giorni dopo perde pure l’appello che si trascinava da Silverstone.

A rigore, le statistiche danno anche altri tre episodi, risalgono all’epoca in cui il regolamento concede la condivisione delle macchine, per cui a qualcuno è riconosciuta la vittoria solo perché chi gli ha dato il cambio ha portato la macchina a vincere. È successo a Reims nel 1951 con Fagioli e Fangio, a Buenos Aires nel 1956 con Musso e Fangio, ad Aintree nel 1957 con Brooks e Moss.

Autopromozione. Il diario dei Gran Premi di F1WEB.it è disponibile in print-on-demand su ilmiolibro.it.

de Angelis, Hill, Jacarepagua, Lauda, Monza, Prost, Spa,