Stelle cadenti

mercoledì 15 agosto 2018 · Mercato

Il pilota più completo per piede, cervello e carattere, che nella sfida alla pari sulla stessa macchina – parole di Briatore – starebbe davanti a Vettel e Hamilton, che ha spaccato il paddock e certe squadre, che ha vinto due mondiali ma ne meritava almeno altri due, fate voi quali. Se non altro per una questione di numeri e giustizia.

Arriva a sorpresa il comunicato di Fernando Alonso che per il 2019 si defila, in riserva di motivazione e pazienza dopo anni a secco, lui che verso il traguardo dichiarato della tripla corona dell’automobilismo ha due coppe su tre dopo l’affermazione di giugno a Le Mans, va a cercarsi nuove sfide:

Let’s see what the future brings; new exciting challenges are around the corner. I’m having one of the happiest times ever in my life but I need to go on exploring new adventures.

Qui si apre una riflessione, sull’eredità di Nando, carismatico quanto ingombrante, che ha fatto terra bruciata, che un po’ alla volta s’è precluso ogni chance di guidare una macchina vincente nell’ambiente che l’ha consacrato. Perché teoricamente per il 2019 erano libere Mercedes, Red Bull e Ferrari, ma nessuna l’ha voluto. O forse nessuna l’ha cercato.

Il passaggio di Ricciardo in Renault chiude l’ultima porta, fa sfumare il terzo ritorno di fiamma. Se mai Alonso ci abbia seriamente pensato.

Il dato di fatto è che questa, senza l’asso delle Asturie, è una Formula 1 oggettivamente e indiscutibilmente più povera. Tant’è che per tenere in ballo Matador s’era mosso qualcuno ai piani alti. Svela Alonso:

I made this decision some months ago and it was a firm one. Nevertheless, I would like to sincerely thank Chase Carey and Liberty Media for the efforts made to change my mind and everyone who has contacted me during this time.

Tra le righe, nel comunicato dell’addio, l’ipotesi romantica del ritorno. Un giorno, chissà. Con McLaren comunque e nessun altro:

My heart is with the team forever. I know they will come back stronger and better in the future and it could be the right moment for me to be back in the series; that would make me really happy.

Possibile, improbabile. Ufficialmente è un anno sabbatico. Ma pure Hakkinen dal suo anno sabbatico non è mai tornato.

Alonso, Briatore, Carey, Ferrari, Liberty Media, McLaren, Mercedes, Red Bull,