Suzuka e il Gran Premio del Giappone, 10 curiosità che non sapevi di non sapere

giovedì 4 ottobre 2018 · Fuoriformula

1. Nei dintorni. Nagoya è la città più vicina a Suzuka, è la quarta per estensione e popolazione in Giappone, si sviluppa intorno al castello che ha oltre quattrocento anni. Il porto commerciale è il più importante del paese.

2. Il tempo degli ostelli. L’area dove oggi sorge la città di Suzuka si è conquistata la prosperità nell’Ottocento, grazie a due stazioni di ristoro per i pellegrini in viaggio verso il santuario di Ise.

3. Una pista e non solo. Suzuka è anche un manga pubblicato tra il 2004 e il 2007: Suzuka è una ragazza che si trasferisce a Tokyo per frequentare le superiori, là incontra Yamato che per conquistarla si dà all’atletica. Non va tutto liscio, ma il lieto fine c’è.

4. Prima di correre. Nel 1987, al debutto nel mondiale, Suzuka decide il campionato… nelle prove di venerdì: Mansell va a sbattere, si rompe la schiena e deve saltare il Gran Premio. Piquet è automaticamente iridato.

5. Esperimenti. Nel 1993 nelle libere la Benetton fa provare a Schumacher la B193C a quattro ruote sterzanti. C’è già stato un test a Estoril, i tempi sul giro non danno ragione alla squadra, la macchina è lenta nelle curve a raggio stretto.

6. Commedia in due atti. La gara del 1994 è sospesa per pioggia. Alla ripartenza vince Hill. Quella è l’ultima volta in cui vengono aggregati due blocchi di gara per decretare il risultato, la regola viene cambiata a vantaggio delle televisioni: in caso di bandiera rossa i distacchi si azzerano.

7. Miracolato. McNish con la Toyota nel 2002 in qualifica sbanda alla R130, nel punto più veloce del mondiale, col retrotreno trancia di netto il guardrail, finisce a un passo dalle reti di protezione. Ne esce bianco come un cencio.

8. I casi della vita. Due volte le qualifiche a Suzuka sono state posticipate alla domenica per via del maltempo, nel 2004 e nel 2010. In entrambi i casi era il 9 ottobre.

9. Il contentino. Schumacher nell’edizione del 2011 fa tre giri in testa, sono gli unici in tre anni alla Mercedes.

10. L’imperatore del Giappone. Ma Schumacher per le statistiche resta il migliore a Suzuka: sei vittorie tra il 1995 e il 2004. A proposito: il diario dei Gran Premi di F1WEB.it è disponibile in riedizione a prezzo speciale in print-on-demand su ilmiolibro.it.

Benetton, Hill, Mansell, Mercedes, Piquet, Schumacher, Suzuka,