Bufale d’estate: il circolo delle menzogne per trovare followers vendendo una speranza

martedì 16 luglio 2019 · Mass media

L’estate non dovrebbe mai arrivare, porta il calciomercato con la piaga delle anticipazioni strillate e fantasiose.

Una volta era un fenomeno circoscritto alla carta stampata che in qualche modo, anche subdolo, deve vendere più copie sotto gli ombrelloni. Poi è arrivato internet e il click baiting. Oggi l’ultima frontiera è lo scoop da social per prendere followers, senza nemmeno comprarseli attraverso pratiche illecite.

È una questione seria, i followers direttamente non portano soldi, ma sono una base che nel sistema mediatico del nuovo millennio dà credibilità.

E allora si fa largo il circolo delle menzogne, beninformati da tastiera che attraverso Twitter e Facebook disseminano certezze personali e autoreferenzialità, con una linea narrativa che mischia sogni e realtà, vendendo speranze che degenerano in fake news.

Per dire: chi ha scritto che Guardiola era della Juve ha accresciuto in misura esponenziale nell’arco di un mese la sua fan-base. E per una dinamica incomprensibile l’ha mantenuta pure quando l’oggettività dei fatti gli ha dato torto.

È una pratica discutible. Ma funziona.

Facebook, Twitter,