Lo sport in quota… e sotto quota: dal Messico a Baku, altitudine e dislivelli dei circuiti di Formula 1

venerdì 25 ottobre 2019 · Num3r1

L’altitudine è un fattore in Messico. L’aria rarefatta da un lato migliora la penetrazione aerodinamica, dall’altro penalizza lo smaltimento termico di qualsiasi parte calda. Quanto alle prestazioni del motore, il turbo rispetto all’aspirato risente meno perché tanto c’è il compressore. Fin qui la tecnica. I numeri invece: questi i dati di altitudine e dislivello delle piste del mondiale.

  Quota massima [m]Quota minima [m]Dislivello [m]
Città del Messico2229.02226.22.8
Spielberg784.9721.463.5
Interlagos781.9738.943.0
Spa Francorchamps467.8365.6102.2
Le Castellet442.0413.029.0
Budapest238.9204.234.7
Silverstone207.5196.211.3
Barcellona192.3162.729.6
Austin157.4126.530.9
Monza153.2140.412.8
Hockenheim152.5148.24.3
Suzuka94.454.040.4
Monte Carlo89.547.542.0
Sochi23.321.41.9
Marina Bay23.017.75.3
Shanghai21.113.77.4
Yas Island20.09.310.7
Montreal17.812.65.2
Melbourne10.17.52.6
Baku2.1-24.726.8
Sakhir0.9-16.016.9

Note. Dati da formula1.com, quote riferite al livello marino medio degli oceani terrestri, il che può comportare altimetrie non nulle anche per circuiti sul livello del mare; il dislivello invece non risente del riferimento.

Autopromozione. Appunti di Corsa è il diario dei Gran Premi di F1WEB.it, dal 1950 all’era moderna, in print-on-demand oppure ebook su ilmiolibro.it.

Abu Dhabi, Austin, Baku, Barcellona, Budapest, Città del Messico, Hockenheim, Interlagos, Le Castellet, Melbourne, Monte Carlo, Montreal, Monza, Sakhir, Shanghai, Silverstone, Singapore, Sochi, Spa, Spielberg, Suzuka,