Inizia il mondiale nell’anno del coronavirus, Mercedes si fa nera e Ferrari è già in ritardo tecnico

giovedì 2 luglio 2020 · Snack news

Formula light. Mascherine, test a tappeto, niente cerimonie, interviste a distanza e ovviamente protocolli di sicurezza rigidissimi: la Formula 1 riparte da Spielberg nell’anno del coronavirus, per un mondiale dinamico che ancora attende il calendario definitivo, ma ha già le defezioni certe di Melbourne, Zandvoort, Monte Carlo, Baku, Le Castellet, Singapore e Suzuka.

Black lives matter. C’è voluta una presa di posizione imperiosa di Hamilton e alla fine pure la Formula 1 s’è mossa a sostegno della lotta al razzismo dopo la morte di Floyd George a Minneapolis. Fra adesivi sulle scocche e iniziative social, spicca la Mercedes che converte la livrea dall’argento al nero come messaggio simbolico contro tutte le discriminazioni di matrice razziale.

Scusate il ritardo. La Ferrari di Spielberg è la stessa di Barcellona, cioè la SF1000 non ha sviluppi tecnici rispetto ai test invernali, dove il distacco dalla Mercedes valeva già 6 decimi. Le novità sono previste solo per Budapest, alla terza corsa. Il motivo, nelle parole di Mattia Binotto:

I risultati delle prove ci hanno imposto un importante cambio di direzione, soprattutto sul piano aerodinamico. Abbiamo dovuto ritarare tutto il programma.

Mercato. Nel frattempo resta sempre da sciogliere il nodo sulla destinazione di Vettel dopo l’uscita da Maranello e l’arrivo di Sainz. Abiteboul conferma che Renault è interessata. Più a lui che ad Alonso.

Lockdown. A parte le simulazioni, la McLaren dopo Barcellona non ha fatto né test, né filming day, a differenza di Ferrari, Mercedes, Red Bull, Renault, Alpha Tauri e Racing Point: “Non crediamo sia uno svantaggio”. La verità è un’altra e non è segreta: le finanze non consentono prove e non è disponibile il telaio del 2018 per non violare le regole.

Amarcord. E chiaramente è la prima volta che la Formula 1 inizia il campionato tanto tardi, anche la prima in cui inizia dall’Austria. Appunti di Corsa è il diario dei Gran Premi di F1WEB.it, dal 1950 all’era moderna, in print-on-demand oppure ebook su ilmiolibro.it.

Alonso, Alpha Tauri, Baku, Barcellona, Binotto, Budapest, coronavirus, Ferrari, Hamilton, Le Castellet, McLaren, Melbourne, Mercedes, Monte Carlo, Racing Point, Red Bull, Renault, Sainz, Singapore, Spielberg, Suzuka, Vettel, Zandvoort,