Aerodinamica, motore… e carattere: tutti i guai della Ferrari che inizia il mondiale già in affanno

sabato 4 luglio 2020 · Gran Premi

Non c’erano aspettative stellari sulle prestazioni della SF1000 per Spielberg, i test l’anticipavano. Ma il quadro che arriva dall’Austria è nerissimo. Per dirla con le parole di Leclerc, la Ferrari “va peggio del previsto”. E Vettel, che esce in Q2: “Una sorpresa”.

Maranello non nasconde i fatti, c’è un fantasma di vecchia data che si ripropone: il conflitto fra i dati della pista e quelli delle simulazioni.

È già successo nel 2011, all’epoca la Ferrari non ne viene a capo in tempi rapidi e alla fine compromette la corsa di Alonso all’iride nel 2012, per quanto cerchi di appoggiarsi ad altre strutture, l’ex Toyota a Colonia, oppure Dallara a Varano.

Oggi il Cavallino paga pure sul piano motoristico, lo suggerisce il crollo congiunto di Haas e Alfa Romeo, evidentemente per effetto della revisione progettuale a seguito degli accertamenti della Fia, su cui restano ombre lunghissime malgrado la pressione degli avversari.

Binotto per Budapest promette sviluppi, ma c’è una montagna da scalare, il calendario è più serrato che mai dopo l’emergenza per il coronavirus. Soprattutto, la Ferrari non è la Mercedes che nel 2019 con metodo e carattere dopo i test invernali ha ribaltato il progetto in tre settimanesovrasterzo, sospensioni, impianto di raffreddamento – per fare un’altra volta terra bruciata.

Alfa Romeo, Alonso, Binotto, coronavirus, Ferrari, Haas, Leclerc, Mercedes, Spielberg, Vettel,