Quel furto all’associazione di Bianchi, l’etichetta per Imola e il futuro del Nurburgring

lunedì 27 luglio 2020 · Snack news

Il furto più abietto. Dal punto vendita dell’associazione benefica intitolata a Jules Bianchi a Brignoles, sono stati trafugati diversi capi di abbigliamento. Lo riferisce la mamma di Jules via social network. Il timore è che adesso il materiale venga rivenduto illecitamente attraverso la rete.

Affari regionali. La gara di Imola che ritorna in calendario dopo 14 anni prende l’etichetta di Gran Premio di Emilia Romagna, in luogo della dicitura tradizionale – e per certi versi fuorviante – di Gran Premio di San Marino. E il motivo è squisitamente politico: al rientro dell’autodromo Ferrari ha lavorato attivamente la Regione.

Affari nazionali. E il Nurburgring, che pure ritrova la Formula 1 a seguito della riorganizzazione del calendario, a Racefans.net spiega che l’intenzione adesso è di rimettere in piedi la vecchia staffetta con Hockenheim per avere la gara ad anni alterni:

The best model for us would be if we could come back to such an alternating solution. I think that would help both. We are concentrating on this year for the time being and we will see everything that comes afterwards.

Il centro del mondiale. Invece Motorsport.com apprende che Silverstone s’era offerta per ospitare fino a 12 – dodici! – Gran Premi nel 2020 nel caso in cui la pandemia avesse imposto serie restrizioni in altri Paesi.

Fiori d’arancio. Con rito civile, Jerome d’Ambrosio, ex Virgin e Lotus, ha sposato Eleonora von Habsburg, l’arciduchessa d’Austria. Senza ricevimento, comunque, per via delle restrizioni per la pandemia da coronavirus.

Amarcord. Il 27 luglio del 1961, il tribunale di Modena proscioglie Enzo Ferrari per le morti alla Mille Miglia del 1957. Appunti di Corsa è il diario dei Gran Premi di F1WEB.it, dal 1950 all’era moderna, in print-on-demand oppure ebook su ilmiolibro.it.

coronavirus, d'Ambrosio, Ferrari, Hockenheim, Imola, Nurburgring, Silverstone,