Gran Premio di Portogallo 2021 a Portimao: cos’è successo, chi ha vinto e chi ha perso

domenica 2 maggio 2021 · Race round-up

Fa sembrare tutto semplice, tiene insieme i fili della gara, Hamilton ribadisce chi comanda e vince il corpo a corpo, su Verstappen e su Bottas. Ai quali alla fine non resta che giocarsi una carta per il giro veloce, quando ormai per inseguire il re nero non c’è più storia.

L’ordine d’arrivo. Hamilton su Verstappen e Bottas, a punti Perez, Norris, Leclerc, Alonso, Ocon, Ricciardo e Gasly. Fuori Raikkonen.

Chi ha vinto. Hamilton che asfalta Bottas con un sorpasso ruggente e restituisce a Verstappen la spallata di Imola. Ricciardo e Alonso che rovesciano una qualifica storta. Schumacher che passa Latifi e regola un conto personale. Norris che tiene botta e difende il quarto posto in campionato.

Chi ha perso. La Ferrari, che arriva a 55 secondi da Hamilton: la qualifica è un fuoco di paglia, Sainz in gara è in caduta verticale, il muretto deve chiedergli di dare strada a Leclerc. Che comunque non brilla. In Spagna arriva il nuovo fondo.

Di chi è la colpa nell’incidente fra Raikkonen e Giovinazzi? Di Raikkonen, che è distratto dalle regolazioni sul volante. Ammette:

I was checking something on the steering wheel, changing a switch. I got it wrong out of the last corner and had to check it again and just drove into him. So purely my mistake.

Perché Perez ha ritardato il pit stop? Perché la Red Bull voleva provare a costruire un’azione di disturbo a Hamilton per consentire a Verstappen di acchiapparlo. Invece Hamilton se l’è bevuto… come una Red Bull.

Perché a Verstappen è stato tolto il giro veloce? Perché all’ultima curva è andato oltre il limite della pista, il sensore giustamente è scattato. È vero che in gara erano concesse tre divagazioni, ma il giro veloce assegna comunque un punto. Per cui la sanzione ci sta tutta e non c’è difesa che regga.

Perché i piloti non hanno twittato durante il weekend? Perché hanno aderito all’azione di boicotaggio promossa dal calcio inglese per chiedere azioni serie da parte dei colossi della rete contro razzismo e cyberbullismo in generale.

Le statistiche. La Mercedes è terza, a pari merito con la Williams, nella classifica delle squadre con più pole. Il trio composto da Hamilton, Bottas e Verstappen è quello che ha più podi, sono 15, in tutta la storia della Formula 1.

Amarcord. Il 2 maggio del 2000, Coulthard si salva insieme con la fidanzata e il preparatore atletico dall’incidente con un aereo privato in un atterraggio d’emergenza a Lione. La Formula 1 giorno per giorno è Appunti di corsa, in print-on-demand oppure ebook su ilmiolibro.it.

Alonso, Bottas, Ferrari, Giovinazzi, Hamilton, Leclerc, Mercedes, Norris, Perez, Portimao, Raikkonen, Red Bull, Ricciardo, Sainz, Schumacher, Verstappen, Williams,