Cos’è l’abrasione ad acqua per l’asfalto, che aumenta il grip a Istanbul… all’insaputa di Pirelli

venerdì 1 ottobre 2021 · Tecnica

Nuovo asfalto e poco grip, è successo l’anno scorso a Istanbul, dove le auto di Formula 1 andavano anche dieci secondi più lente rispetto alle simulazioni. 

Pirelli all’epoca fu presa in contropiede, perché l’informazione sul rifacimento dell’asfalto era arrivata troppo tardi, quando la nomina delle mescole – troppo dure – era già ufficiale. Per trovare aderenza Pirelli impose l’aumento della pressione minima, l’organizzazione da parte sua fece girare a tempo perso delle vetture stradali. Il problema restò, anche perché la pioggia lavò le traiettorie.

Quest’anno l’autodromo si è mosso per tempo, la soluzione è un processo tecnologico innovativo che si chiama abrasione a getto d’acqua. Oppure idrosabbiatura secondo qualche fonte, anche se la terminologia è impropria perché non viene impiegato alcun abrasivo.

Sta qui infatti la novità: l’azione fisica di erosione è dovuta esclusivamente all’acqua che viene sparata sull’asfalto a pressioni potentissime, anche fino a duemila bar. Praticamente mille volte la pressione dell’acqua che esce da un rubinetto domestico.

Il risultato dell’idrogetto è un’abrasione uniforme sullo strato più superficiale del manto stradale, su cui il pneumatico quindi trova più aderenza. Rispetto ad altre tecniche a base di abrasivi, è un processo più ecologico, economico e veloce. Anche perché le particelle che vengono erose dall’asfalto sono immediatamente aspirate dai macchinari, per cui il rischio di polvere e depositi residui è zero.

Le grandi città fanno una cosa del genere per la rimozione della vernice della segnalatica orizzontale. E comunque per la Formula 1 non si tratta di una novità assoluta. Spiega Masi della Fia:

The surface in Turkey has been effectively water-blasted. It’s a regular treatment that happens, we’ve seen it regularly used in Singapore as an example where the public roads that are used, they resurface quite regularly because of the movement.

Il punto è che Pirelli anche quest’anno non era stata informata. Per cui sulla base dell’esperienza dell’anno scorso aveva già deliberato una mescola un gradino più morbida. Forse troppo morbida adesso.

Istanbul, Masi, Pirelli, Singapore,