Interlagos, non c’è riesame sulla frenata del giro 48: ecco perché naufraga l’istanza della Mercedes

venerdì 19 novembre 2021 · Regolamenti

Non c’era in ballo soltanto il secondo posto di Verstappen al Gran Premio di San Paolo. Piuttosto, la linea che la Federazione coi suoi commissari vorrà adottare affinché il finale di campionato sia una sfida leale oppure una barzelletta. Mentre il paddock aspettava il verdetto, diceva Sainz:

I think, independently of where you’re racing, you need clarification and we need some sort of knowledge and assumptions when we go racing, if not it’s going to be very difficult to keep any kind of consistency.

Sotto la lente, la frenata alla curva 4 di Interlagos al giro 48: Hamilton dall’esterno affianca Verstappen che l’accompagna nella via di fuga, i commissari a gara in corso giudicano non sia necessaria l’indagine. Poi Hamilton un modo di liberarsi di Verstappen lo trova, comunque al terzo tentativo.

Masi a motori spenti rivela che in direzione gara non fosse disponibile la ripresa dalla telecamera onboard frontale di Verstappen. Dalla quale in effetti si nota che l’angolo di sterzata della Red Bull non è proprio quello di uno che vorrebbe fare la curva. Verstappen su questo punto allora tira in ballo l’usura delle gomme:

We were fighting hard, braking late into the corner, the tyres are quite worn. If I would have turned more abrupt to the left you just spin off the track. So that’s why we are the drivers, you try to control the car.

Hamilton non cerca ostilità: “Così dev’essere la lotta per il mondiale”. Aggiunge che in questa querelle giudiziaria non vuole spenderci energie: “Ma apprezzo lo spirito combattivo di Wolff”. Che in Brasile anticipava: “La diplomazia è finita”.

Così la Mercedes cerca il diritto di replica, chiede il riesame sulla base di elementi nuovi. Concreti, le riprese ufficiali. A differenza della Red Bull che per Silverstone gli elementi li aveva costruiti, con Albon ai test, con Perez al simulatore.

Giovedì pomeriggio a Losail il meeting dei giudici è interminabile, il verdetto viene differito. Dopodiché, venerdì la Fia comunica che il riesame è respinto: da un lato accetta che le prove siano nuove, dall’altro non le ritiene significative. Testualmente:

At the time of the decision, the stewards felt they had sufficient information to make a decision, which subsequently broadly aligned with the immediate post‐race comments of both drivers involved. Had they felt that the forward‐facing camera video from car 33 was crucial in order to take a decision, they would simply have placed the incident under investigation.

È il timbro sul risultato. Indirettamente, una linea guida per le azioni nei duelli a corpo a corpo. Perché come diceva Leclerc, “noi adatteremo il nostro comportamento in base a quanto decideranno i commissari, in un senso o nell’altro”.

Fia, Hamilton, Interlagos, Leclerc, Masi, Mercedes, Red Bull, Sainz, T. Wolff, Verstappen,