Arriva la nuova Mercedes. E c’è anche Hamilton: “Nessuno viva quello che ho passato per Abu Dhabi”

sabato 19 febbraio 2022 · Paddock life

La tempesta Eunice si abbatte sul Nord Europa e sullo shakedown della Mercedes W31 che fa pochi giri a Silverstone con George Russell: “Non facile, ma più o meno siamo in linea con quanto abbiamo visto al simulatore”.

Gli occhi esperti (?) dei tecnici del web dicono che l’ultima nata di Stoccarda sposa una filosofia totalmente diversa dalla Ferrari. Che almeno quanto a meteo non va meglio, visto che Leclerc e Sainz a Fiorano si muove nella nebbia.

C’è anche Hamilton alla presentazione del team, è la prima uscita ufficiale dal letargo lunghissimo dopo la mazzata di Abu Dhabi. Dice che al ritiro non ci ha mai seriamente pensato, ma quell’ultimo giro non lo cancella nessuno:

While we cannot change the past, we have to make sure that this never happens to anybody else in this sport ever again. Everything that’s been said by the FIA yesterday, I welcome that.

Incluso il siluramento di Michael Masi e l’adozione della nuova cabina di controllo delle corse. Sullo stato fisico e mentale avverte:

What doesn’t kill you makes you stronger. I’ve learned how to be efficient with my time, with my recovery and then with training and building back up both your body and your mind. I feel great, I feel fit. If you think I was at my best last year, wait till you see this year.

Parla anche di Latifi, che dopo Abu Dhabi – per l’incidente che involontariamente ha rovesciato il fronte – s’è preso offese e minacce via social, al punto da ricorrere alla scorta per muoversi:

I was in touch with Nicholas, he has my full support and I know how difficult it can be in those situations. It’s important for him to know that he has support from people around him.

I social network non fanno abbastanza per contrastare il cyberbullismo sotto ogni forma, perciò ad aprile dalla Premier League era partita una mozione di protesta a cui avevano aderito anche i piloti di Formula 1, un lungo weekend di silenzio su tutte le piattaforme di condivisione. E da allora, poco è cambiato.

Ferrari, Hamilton, Latifi, Leclerc, Mercedes, Russell, Sainz, Silverstone,