Imola, la gara sprint: perché il ritmo di Leclerc è crollato nel finale (e altre domande)

sabato 23 aprile 2022 · Gran Premi

Resta a Verstappen la pole position di Imola dopo una gara sprint tutta d’attesa, prima del guizzo finale che gli consente di ristabilire la sua legge su Leclerc a due giri dalla fine. Mentre Sainz risale la china e si apposta dietro a Perez. Riportando in equilibrio la sfida con la Red Bull per domenica.

Perché Verstappen è partito lento? Per un problema di sincronizzazione delle marce, che già altre volte ha condizionato la Red Bull. Questo ha permesso a Leclerc di schizzare immediatamente in testa. Le parole di Verstappen:

My start was just terrible and I didn’t have gear sync for whatever reason. When I let the clutch go, I just had a lot of wheelspin and no traction, so my start was very, very poor.

Perché Leclerc è crollato nel finale? Perché ha chiesto troppo alle gomme nella prima parte di gara, per costruire quel margine che comunque non è bastato. La sua spiegazione:

I tried to push at the beginning to get a bit of a gap and for Max to not be in the drs zone because I knew that I would have been vulnerable if it was the case. But I paid the price a little bit later on in the race and had some graining and then really struggled in the last two, three laps.

Perché a Magnussen e Alonso è stata esposta bandiera bianconera? Per azione antisportiva, per i continui cambi di traiettoria sul dritto. Ma nel caso di Magnussen più che un’azione difensiva era un tentativo disperato di scaldare le gomme medie al primo giro, perché l’Haas ha perso subito contatto dai primi che montavano le morbide.

Perché Bottas ha cambiato telaio dopo le qualifiche? Perché l’Alfa Romeo ha scoperto che lo stop di venerdì in Q3 era stato innescato dal guasto di uno scarico che ha danneggiato diversi componenti. Per cui i meccanici hanno ritenuto fosse più pratico allestire il muletto. Nell’attesa, Bottas si è comunque perso la seconda sessione di prove libere.

Alonso, Bottas, Ferrari, Leclerc, Magnussen, Perez, Red Bull, Sainz, Verstappen,