Perché la Fia ha indagato sull’Aston Martin e perché il reverse engineering è vietato in Formula 1

venerdì 20 maggio 2022 · Tecnica

Non c’è voluto un esposto ufficiale, l’accertamento è partito direttamente e autonomamente dalla Federazione che a Barcellona, nei controlli di routine sugli aggiornamenti delle squadre, ha trovato che “diverse caratteristiche dell’Aston Martin” somigliassero a quelle di un’altra auto. Che la Fia non menziona, ma è chiaramente la Red Bull.

L’Aston Martin in Spagna praticamente è una versione B di quella che ha iniziato il campionato: nuovo fondo, nuove fiancate, nuovo cofano motore, nuova ala posteriore, perfino nuovo halo. E in effetti non serve l’occhio chirurgico di Giorgio Piola per notare che sembra la RB18 in verde.

Ora, nessuno può vietare di osservare una soluzione vincente e copiarla: “È sempre stato così in Formula 1”, riconosce la Fia. Ma sono proibiti software e strumentazioni per reverse engineering, secondo una direttiva a cui Parigi ha messo mano l’anno scorso a seguito di una questione tecnica minore che aveva acceso la miccia e riguardava pure all’epoca l’Aston Martin, quando ancora era Racing Point.

La Fia a Barcellona fa sapere che gli upgrade dell’Aston Martin sono regolari, praticamente il team ha dimostrato che sono il risultato di un processo interno di sviluppo: “Ci sono prove che quelle novità sono in considerazione da febbraio”, dice Mike Krack.

Nessuna conversione di foto o altri dati, quindi. Soprattutto, nessun trasferimento di proprietà intellettuale. Ad ogni modo, su quest’ultimo punto la Red Bull vuole andare fino in fondo: “C’è un allarme, sarebbe gravissimo”, anticipa Horner.

Di qui l’indagine interna, per verificare che dagli archivi di Milton Keynes non siano uscite informazioni riservate quando diversi elementi del team sono partiti per andare a lavorare all’Aston Martin negli ultimi 12 mesi. Dan Fallows e Andrew Alessi su tutti. Anche la Fia nell’inchiesta ha voluto dalla Red Bull la lista dei tecnici che si sono trasferiti.

Aston Martin, Barcellona, Fia, Horner, Piola, Racing Point, Red Bull,