Gran Premio di Spagna 2022 a Barcellona: il weekend in sintesi, risultati e statistiche

domenica 22 maggio 2022 · Race highlights

Background. La Fia istruisce un accertamento sull’Aston Martin, che dopo gli aggiornamenti aerodinamici sembra… la Red Bull. Arrivano novità importanti anche sulla Mercedes che risolve il problema del porpoising sul dritto.

Le prove. Facce nuove o comunque non le solite: debuttano Nick de Vries sulla Williams e Juri Vips sulla Red Bull, invece sull’Alfa Romeo torna Kubica. Nella notte la Ferrari cambia il telaio di Sainz per un problema al circuito della benzina.

Le qualifiche. Verstappen lamenta un calo di potenza, che poi si scopre sia dovuto al drs, così non può rispondere alla pole di Leclerc. Il quale si era pure bruciato il primo tentativo per testacoda.

La gara. Si ripresentano i problemi al drs per Verstappen, che fa anche un lungo in via di fuga. Allora Perez per ordine del muretto gli dà strada – malvolentieri, e dietro la promessa di riscambiare le posizioni – per rimetterlo in corsa con Leclerc. Che sta dominando e invece al giro 27 resta in panne. A quel punto la Red Bull fa doppietta facile, Russell è coriaceo, ma non è un supereroe.

L’ordine d’arrivo. Verstappen, Perez, Russell, Sainz, Hamilton, Bottas, Ocon, Norris, Alonso e Tsunoda a punti. Ritirati Leclerc e Zhou.

Perché Leclerc si è ritirato? Per un’avaria del motore che la telemetria non ha rilevato, e su cui i tecnici della Ferrari non sono riusciti a intervenire né da remoto né quando l’auto è entrata nel garage.

Perché Sainz non aveva il ritmo di Leclerc? Perché nel fuoripista – per colpa del vento, dicono lui e Verstappen – ha rovinato il fondo perdendo deportanza. Ma prima aveva sbagliato già la procedura di partenza. Preoccupante, anche per le prospettive di Leclerc, che non ha uno scudiero affidabile.

Perché Hamilton voleva fermarsi? Perché non credeva ai punti, dopo lo scontro con Magnussen alla partenza, e quindi voleva risparmiare il motore. Invece il muretto via radio gli assicura che l’ottavo posto è fattibile. Altroché: lui arriva quinto, quasi quarto.

Perché Alonso partiva ultimo? Perché ha già esaurito tutti i cambi concessi per gli elementi del motore. Alla sesta corsa su 22. E l’Alpine giustamente se n’è giocato uno in Spagna visto che Alonso già partiva in P17.

Perché Norris non era al 100 per cento? Perché ha dormito malissimo tutto il weekend, aveva mal di gola e bruciore agli occhi: “Ma non è covid“, ha assicurato. Infatti poi s’è scoperto fosse tonsillite.

Le statistiche. È la prima gara dell’anno in cui non entra la safety car, la pole di Leclerc era la prima della Ferrari a Barcellona dal 2008 e Sainz ha sempre preso punti in casa. Ricciardo supera Webber, adesso è l’australiano che ha fatto più gare.

Alfa Romeo, Alonso, Alpine, Aston Martin, Barcellona, de Vries, drs, Ferrari, Fia, Hamilton, Horner, Kubica, Leclerc, Magnussen, Mercedes, Norris, Perez, porpoising, Red Bull, Russell, Sainz, Verstappen, Williams,