Gran Premio di Azerbaigian 2022 a Baku: il weekend in sintesi, risultati e statistiche

domenica 12 giugno 2022 · Race highlights

Background. Red Bull estende il contratto di Perez al 2024. Per ragioni di sicurezza e comunque solo per la gara di Baku, la Fia alza da 21.5 a 22.5 psi la pressione minima iniziale delle gomme posteriori.

Le prove. Leclerc è in controllo assoluto, invece Verstappen è nervoso con la squadra, l’auto non è stabile, soprattutto nel secondo settore. E ha di nuovo problemi con il drs come in Spagna.

Le qualifiche. La Red Bull si prende Q1 e Q2, ma il giro che conta lo mette a segno Leclerc. Tra i big e gli altri c’è un abisso di quasi un secondo e mezzo.

La gara. Leclerc si fa bruciare da Perez al via, dopodiché corre nove giri con Verstappen negli scarichi. Al momento del ritiro di Sainz anticipa il cambio gomme sotto virtual safety car, per giocare di undercut sulle Red Bull. Ma al giro 20 il motore della Ferrari dice basta. A quel punto, la doppietta della Red Bull è sul velluto.

L’ordine d’arrivo. Verstappen, Perez, Russell, Hamilton, Gasly, Vettel, Alonso, Ricciardo, Norris e Ocon a punti. Ritirati Sainz, Leclerc, Zhou e Stroll.

Perché non era certa la vittoria di Leclerc? Perché la tenuta delle gomme, che avevano nove giri in più rispetto a Verstappen per via del pit stop anticipato, era tutta da dimostrare. Al di là di quanto sostiene Binotto. E il fatto che gli altri non abbiano accusato degrado non vuol dire che non l’avrebbe accusato Leclerc, che doveva vedersela con la velocità mostruosa della Red Bull sui rettilinei.

Perché la Red Bull ha ordinato “no fighting” a Perez via radio? Perché chiaramente tira per Verstappen e non è un mistero. Anche se ufficialmente Horner dice che dietro la richiesta ci fosse solo il timore di un bis del 2018, quando Verstappen e Ricciardo si erano buttati fuori: “Perez aveva graining, non è stato un ordine di squadra propriamente detto”.

Perché Hamilton aveva dolori atroci alla schiena? Perché sulla Mercedes il porpoising a Baku è stato feroce. Lui rispetto a Russell ha sofferto di più per un assetto diverso che non ha pagato. E non certo “perché 37 anni si sentono”, come invece sosteneva in telecronaca Vanzini…

Perché Latifi ha preso due penalità? La prima, 10 secondi di stop-and-go, perché c’era ancora un meccanico sulla sua auto quando era stato dato già il segnale dei 15 secondi alla partenza del giro di formazione. La seconda, un punto sulla superlicenza, perché ha ignorato ben 12 pannelli con bandiere blu.

Perché è stata data bandiera nera e arancione a Tsunoda? Perché a un certo punto l’attuatore del drs è andato in tilt e praticamente apriva solo metà profilo. Di qui il pit stop e la richiesta del muretto di non azionare più l’ala mobile.

Le statistiche. Leclerc è il primo a fare due pole a Baku, ma per la quarta volta di fila nel 2022 non monetizza. L’ultimo doppio ritiro della Ferrari per problemi tecnici risaliva a Melbourne 2009. Alonso superando Schumacher fissa il record assoluto di longevità nei Gran Premi, 21 anni e 3 mesi.

Alonso, Baku, Binotto, drs, Ferrari, Fia, Hamilton, Horner, Latifi, Leclerc, Mercedes, Perez, porpoising, Red Bull, Russell, Sainz, Tsunoda, Vanzini, Verstappen,