Dopo Spa: Mercedes punisce Rosberg, ma fissa le regole. Anche per Hamilton

Alla fine il pugno sul tavolo l’ha battuto Dieter Zetsche, il grande capo della Mercedes, lui che tutto muove e tutto può: “Naturalmente – anticipava Toto Wolff – abbiamo il dovere di riferire a lui, perché la Formula 1 determina anche la credibilità del marchio”. La soluzione allo scontro del Gran Premio del Belgio ci mette meno di una settimana a maturare: in sintesi, Rosberg in castigo e comunque nessun freno alle lotte.