Una (vecchia) Ferrari per Raikkonen, la conferma di Spielberg e la rinuncia di Zandvoort

sabato 30 maggio 2020 · Snack news

Regali da uno (s)conosciuto. In omaggio da parte della Ferrari, è arrivato nel garage di Raikkonen il telaio della SF71H sul quale lui ha vinto il Gran Premio degli Stati Uniti ad Austin nel 2018. Adesso fa bella mostra in mezzo alle moto.

Ripartenza. C’è il via libera del ministro della salute austriaco per il Gran Premio a Spielberg, a porte chiuse comunque. Questo fissa il via della stagione di Formula 1 al 5 luglio, dopodiché bisogna capire quante gare è possibile recuperare…

No, grazie. E nel calendario che bisogna riorganizzare non c’è Zandvoort, che rinuncia alla ricollocazione e rinvia il ritorno al 2021. A nome dei promotori, parla Jan Lammers:

We ask everyone to be patient. I had to look forward to it for 35 years, so I can wait another year.

La furbata e il disonore. Come già la Formula 1, anche la Formula E al tempo del coronavirus inganna l’attesa con le corse virtuali. Sabato s’è corso a Berlino, ha vinto Rowland, ma la notizia è un’altra: Abt al posto suo ha fatto gareggiare un professionista della consolle, s’è fatto sgamare e s’è buscato il licenziamento – reale, mica virtuale – dall’Audi che l’ha immediatamente messo alla porta.

Amarcord. Il 30 maggio del 1978 l’Alfa Romeo fa il primo test per il ritorno da costruttore, al circuito di Balocco con Brambilla. Appunti di Corsa è il diario dei Gran Premi di F1WEB.it, dal 1950 all’era moderna, in print-on-demand oppure ebook su ilmiolibro.it.

Alfa Romeo, Austin, coronavirus, Ferrari, Formula E, Raikkonen, Spielberg, Zandvoort,