Gran Premio del Bahrain 2021 a Sakhir: cos’è successo, chi ha vinto e chi ha perso

lunedì 29 marzo 2021 · Race round-up

Voleva un avversario e adesso ce l’ha: Hamilton trova Verstappen sulla strada per la vittoria a Sakhir. E poi vince comunque, ma se la prima corsa del 2021 è rappresentativa del resto del copione, il film è tutto da guardare.

L’ordine d’arrivo. Hamilton su Verstappen e Bottas, a punti Norris, Perez, Leclerc, Ricciardo, Sainz, Tsunoda e Stroll. Fuori Mazepin e Alonso.

Chi ha vinto. La Mercedes, che per strategia e gioco di squadra batte la migliore Red Bull dell’era ibrida. Perez che risale in P5 dopo la partenza dai box. Tsunoda e Schumacher che passano puliti l’esame dell’esordio. Alonso che rimette in pista la scorza di sempre.

Chi ha perso. La Ferrari, ancora lontanissima sul passo di gara: con Leclerc paga un minuto dalla vetta, con Sainz anche di più. Mazepin che sfascia l’Haas al primo giro a gomme fredde. Vettel che si ingroppa Ocon come Verstappen a Silverstone nel 2019 e via radio gli dà tutte le colpe: meschino.

Perché la Red Bull ha chiesto a Verstappen di restituire la posizione? Perché l’alternativa, poco sportiva, era allungare su Hamilton per creare margine e neutralizzare una penalità per violazione dei limiti della pista. Ma a tre giri dalla fine, Verstappen che margine poteva creare?

Perché il primo pit stop di Giovinazzi è durato tanto? Perché l’Alfa Romeo ha confuso le gomme: quando i meccanici hanno tolto le termocoperte hanno scoperto di avere tre dure e una morbida. E sono dovuti rientrare a prendere la gomma giusta.

Perché i tecnici dell’Honda erano in apprensione? Perché sull’auto di Perez si era già reso necessario il cambio di batterie e centraline, altri problemi li aveva segnalati Gasly. Per cui Verstappen rischiava di non vedere il traguardo.

Perché Vettel è stato retrocesso prima del via? Per inosservanza delle bandiere gialle in qualifica, con Mazepin in testacoda alla prima curva. Assolto invece, con altri tre, per una situazione analoga con Sainz nel secondo settore.

Perché Mazepin non è registrato con la bandiera russa? Per il divieto imposto dalla Wada a tutti gli sportivi del suo paese, a seguito dello scandalo sul doping di stato: Mazepin figura come atleta della Federazione automobilistica russa.

Le statistiche. Hamilton toglie a Schumacher un altro record: è il migliore per numero di giri percorsi al comando di un Gran Premio. Nella gara d’apertura, non vinceva dal 2015. La sua vittoria è la trecentesima di un pilota del Regno Unito.

Amarcord. Nessuno regge il ritmo di Regazzoni che fa grand chelem il 28 marzo del 1976, nella prima gara di Formula 1 a Long Beach. La Formula 1 giorno per giorno è Appunti di corsa, in print-on-demand oppure ebook su ilmiolibro.it.

Alfa Romeo, Alonso, Bottas, Ferrari, Giovinazzi, Hamilton, Leclerc, Mazepin, Mercedes, Ocon, Perez, Red Bull, Sainz, Sakhir, Schumacher, Tsunoda, Verstappen, Vettel,