Gran Premio di Monaco 2024 a Monte Carlo: cos’è successo e chi ha vinto, il weekend in sintesi

domenica 26 maggio 2024 · Roundup
tempo di lettura: 2 minuti

Il prologo. La Formula 1 è in pista a cinque giorni da Imola, è il secondo back-to-back dopo Sakhir e Gedda. La McLaren è in livrea gialloverde in omaggio a Senna.

Venerdì. Hamilton è il più veloce nel primo turno, Leclerc nel secondo. Subito in difficoltà la Red Bull che soffre dossi e cordoli. Verstappen: “Siamo vulnerabili”.

Sabato. La qualifica è un affare tra Ferrari e McLaren, “il momento più intenso dall’inizio della stagione”, dice Leclerc che si aggiudica la pole, davanti a Piastri, Sainz e Norris, mentre Verstappen sbagliando l’ultimo tentativo chiude sesto addirittura. Le Haas sono squalificate perché l’apertura del drs è fuori limite.

La gara. Al via è subito bandiera rossa per l’incidente fra Perez, Magnussen e Hulkenberg nella salita verso il casino. Dopodiché non accade nulla, va in archivio uno dei Gran Premi più piatti, Leclerc lo controlla con autorità, marcato a uomo da Piastri con altrettanta autorità.

L’ordine d’arrivo. Leclerc, Piastri, Sainz, Norris, Russell, Verstappen, Hamilton, Tsunoda, Albon e Gasly a punti. Ritirati Magnussen, Hulkenberg, Perez e Ocon.

Chi ha vinto. Sainz, perché la ripartenza gli consente di recuperare il terzo posto dopo la foratura dei primi metri. Magnussen, perché viene graziato dai commissari sebbene sia evidentemente responsabile dell’incidente del via: così, scampa alla squalifica dalla quale ancora lo separano solo 2 punti di sanzione.

Chi ha perso. La Red Bull, che paga più che altrove il disallineamento fra pista e simulatore. Ocon, perché la manovra avventata su Gasly lo espone al rischio di taglio del contratto, in un momento in cui la Renault sta rivalutando tutto il programma dell’Alpine.

Le statistiche… I primi dieci al via sono anche i primi dieci al traguardo, nello stesso ordine: non era mai capitato  se non per le prime sei posizioni. La pole di Leclerc è la numero 250 della Ferrari e lui è il primo monegasco a vincere in casa dai tempi di Chiron.

… e una curiosità. Per via della bandiera rossa, che consente il cambio gomme gratis mentre la gara è ferma, sono soltanto in sei a fare un vero pit stop: Verstappen, Stroll, Zhou, Hamilton, Bottas e Sargean.

Alpine, Ferrari, Haas, Leclerc, Magnussen, McLaren, Monte Carlo, Ocon, Piastri, Red Bull, Sainz, Verstappen,