Titanico e inderogabile. Ma quanto è costato l’halo?

sabato 3 marzo 2018 · Tecnica

La sicurezza non ha prezzo. Anzi un prezzo ce l’ha: l’installazione dell’halo è costata un milione di dollari a Force India che avrebbe voluto impiegare la base del telaio dell’anno scorso e invece ha dovuto sviluppare da zero un nuovo concetto.

I numeri li ha dati Andrew Green ai test di Barcellona in intervista per Racefans, ma è possibile che la stessa spesa l’abbiano sostenuta pure gli altri team:

We had to do a new chassis. We wouldn’t have anticipated doing a new chassis this year given the amount of changes we made last year, which was huge with the regulation change.

In effetti l’adozione della protezione sull’abitacolo rappresenta l’unica sfida di un campionato senza rivoluzioni rilevanti dopo il terremoto delle macchine extra large. E certe scelte le squadre le hanno dovute affrontare in tempi strettissimi, perché la Fia ha deliberato l’halo solo il 19 luglio quando i progetti per il 2018 erano già in fase avanzata:

It was late summer, autumn time before we actually had a specification of Halo to put on the car. And even then we didn’t know what the homologation test was going to be.

Oggi le prove di laboratorio dimostrano che l’halo può reggere il peso di un autobus a due piani, cioè 12 tonnellate su una struttura di 7 chili. Ma a luglio certi numeri non li conosceva nessuno e la Fia ancora doveva scrivere una direttiva sui test per l’omologazione.

Barcellona, Force India, halo,