Zandvoort, torna l’Olanda con la sfida della nuova soprelevata (che Pirelli non teme)

martedì 31 agosto 2021 · Paddock

Il ritorno dell’Olanda nel calendario si porta dietro un tema tecnico affascinante, la soprelevazione della Hugenholtzbocht e dell’ultima curva: “La parte più spettacolare del nuovo circuito”, dicono da Zandvoort.

Pendenza del 32% che significa un dislivello equivalente di 18 gradi e oltre 4 metri fra il cordolo interno e il cordolo esterno. Per avere un’idea: la vecchia soprelevata di Monza aveva un pendenza di 21 gradi, la soprelevata di Indianapolis arriva solo a 9.

E qui la mente torna al 2005, Indianapolis appunto, dove proprio la soprelevata diventa un problema per Michelin perché le gomme non reggono il carico trasversale, al punto che il Bibendum decide che i suoi clienti quella gara non devono correrla.

All’epoca Michelin si fa la guerra con Bridgestone, per cui certe soluzioni le estremizza e finisce per pagarle. Oggi la stessa crisi è improbabile perché Pirelli in regime di monopolio non si prende rischi.

Ma la soprelevata resta una sfida, al punto che un anno fa ai test di Barcellona – prima che la pandemia cancellasse il ritorno in Olanda – venne proposta alle squadre la valutazione di un prototipo di gomma con la carcassa specifica per Zandvoort: “Mi sembra comunque molto simile”, disse Leclerc.

Quest’anno le gomme anteriori sono più rigide, da Silverstone in poi è stata modificata anche la struttura delle posteriori. Per cui non c’è ragione di portare a Zandvoort una gomma ad hoc. Dall’intervista a Mario Isola su Racefans.net:

Now, thanks to the introduction of the new front at the beginning of the year and the new rear from Silverstone, we believe that the current tyre can cope well with with the stress in Zandvoort and that’s why we stayed on the normal production tyre, not any special construction.

Non solo: dal Gran Premio di Francia è in vigore un protocollo nuovo che stringe la vite sulle procedure di verifica delle pressioni di gonfiaggio prescritte. Per scongiurare certe furbate e certi incidenti.

Bridgestone, Indianapolis, Leclerc, Michelin, Pirelli, Zandvoort,