Gran Premio di Abu Dhabi 2021 a Yas Island: cos’è successo, chi ha vinto e chi ha perso

domenica 12 dicembre 2021 · Race highlights

Tocca a Latifi la posizione scomoda che nessuno voleva, finire per fare l’arbitro del campionato per un episodio comunque involontario che innesca il rovesciamento del fronte. È pazzesco e controverso il finale ad Abu Dhabi: la safety car a 5 giri dal traguardo riporta Verstappen negli scarichi di Hamilton a cui manca la gomma giusta per respingere un sorpasso che vale il mondiale. E assegna il titolo all’ultimo giro come nel ’59 e nel 2008.

L’ordine d’arrivo. Verstappen su Hamilton e Sainz, a punti Tsunoda, Gasly, Bottas, Norris, Alonso, Ocon e Leclerc. Fuori Raikkonen, Russell, Giovinazzi e Latifi.

Chi ha vinto. Verstappen, per la freddezza con cui trafigge Hamilton all’ultimo giro. Ma anche Hamilton, per quanto si mantiene composto e sportivissimo nelle interviste a caldo. E Sainz, che artiglia podio e quinto posto nel mondiale.

Chi ha perso. Bottas, che nel weekend più delicato non dà nessun contributo al capitano. Mentre Perez con una difesa gagliarda e durissima toglie 6 secondi a Hamilton per aiutare Verstappen, dopo quella scia in qualifica.

Perché Hamilton non è stato sanzionato al primo giro? Perché secondo Masi, che a gara in corso l’ha spiegato via radio alla Red Bull, ha restituito immediatamente quanto ha guadagnato nell’escursione. Ad ogni modo, Verstappen fa una linea più larga rispetto alla norma, anche in confronto all’azione di Vettel su Stroll: l’impressione è che abbia giocato ancora sporco.

Perché la Mercedes ha presentato due reclami? Per due irregolarità, entrambe relative allo scompiglio degli ultimi giri. Il primo, perché Verstappen pare fosse un attimo davanti a Hamilton sotto safety car. Il secondo, più concreto, perché alla ripartenza dopo la neutralizzazione non tutti si erano sdoppiati. Vengono rigettati entrambi, ma c’è notifica di appello sul secondo.

Perché l’Haas correva con una sola auto? Perché Mazepin in mattinata è risultato positivo al coronavirus e il regolamento non consente di mandare in pista chi non abbia svolto almeno una sessione di prove nel weekend.

Le statistiche. È la trentesima volta che la Formula 1 assegna il mondiale all’ultima corsa, la quarta che capita ad Abu Dhabi. Bottas si è qualificato nei primi dieci in tutte le gare che ha disputato per la Mercedes.

Amarcord. Il 12 dicembre del 1959 finisce in modo rocambolesco anche il campionato del primo titolo di Brabham, che resta privo di sensi per spingere l’auto sul traguardo. La storia della Formula 1 giorno per giorno è Appunti di corsa, in print-on-demand oppure ebook su ilmiolibro.it.

Abu Dhabi, Bottas, coronavirus, Haas, Hamilton, Latifi, Masi, Mazepin, Mercedes, Perez, Red Bull, Sainz, Stroll, Verstappen, Vettel, Williams,